ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI E INVALIDI CIVILI ANMIC
SEZIONE DI PARMA

La storia della sezione di Parma di ANMIC nasce nel 1956, anno della sua fondazione, subito dopo la costituzione dell’Associazione a livello nazionale. L’ Anmic ha la tutela e la rappresentanza delle persone con disabilità, che supporta nei loro interessi morali e materiali. Opera senza fini di lucro per l’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà e nel 1978 è stata riconosciuta Ente Morale dello Stato (D.P.R. 23/12/1978).

La sezione provinciale di Parma conta oltre 3 mila associati con disabilità fisica, sensoriale, intellettiva e relazionale e la sua attività di tutela e rappresentanza si estende a tutte le necessità della persona disabile e delle loro famiglie. Le persone vengono accompagnate e supportate dall’associazione nell’ottenimento dei propri diritti in merito al sostegno economico, al collocamento lavorativo, alle agevolazioni, all’assistenza sanitaria e, in generale, all’integrazione sociale, all’inclusione nella comunità, favorendo l’espressione delle abilità.

Anmic è da quasi 65 anni impegnata a promuovere, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, nonché in rete con altre realtà del terzo settore, azioni volte a garantire la dignità e la qualità della vita delle persone con disabilità, contro ogni forma di pregiudizio e discriminazione e secondo i principi della Costituzione. Anmic è attiva anche sul fronte della cultura della disabilità, attraverso campagne di comunicazione e sensibilizzazione.

La sezione di Parma da sempre partecipa attivamente anche alle manifestazioni a carattere nazionale per la conquista e la tutela dei diritti fondamentali delle persone con disabilità. Questo è lo spirito che informa il suo operato e che ha contribuito alla formazione dello Stato sociale italiano attraverso leggi di settore o dedicate che hanno dato dignità agli invalidi e alle persone con disabilità. Affinché la quotidianità sia una realtà accessibile a tutti e non solo a pochi. (Tratto da https://www.anmic-parma.it/)

Le lotte di ANMIC per i diritti delle persone con disabilità.

unione italiana dei cechi e degli ipovedenti – uici

sezione di parma

 

L’Unione, sorta nel 1920 per iniziativa di Aurelio Nicolodi e di altri reduci della I Guerra Mondiale, è un’associazione nazionale ETS-APS, organizzata in sezioni territoriali dotate di ampia autonomia ed esercita per legge e per statuto la tutela dei diritti e degli interessi morali e materiali di tutti i ciechi e ipovedenti italiani.

Numerose sono le organizzazioni alle quali l’Unione ha dato vita, ha aderito o con cui collabora costantemente per il conseguimento di nuovi diritti e spazi di inclusione per ciechi ed ipovedenti. Tra queste possiamo ricordare lUNIVOC, associazione che raccoglie i volontari pro ciechi, la Biblioteca per Ciechi Regina Margherita, che distribuisce libri in formato Braille, il Centro Nazionale del Libro Parlato, che distribuisce libri in formato audio, la Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi, l’INVAT per la valutazione degli ausili applicati alla disabilità visiva, la scuola nazionale per cani guida, le stamperie Braille ed altre ancora.

Fin dalla sua fondazione, l’obiettivo dell’Associazione è stato quello di agevolare l’accesso dei disabili all’istruzione, strumento fondamentale per l’emancipazione, ed ad una qualità della vita rispettosa dei diritti fondamentali della persona, in particolare attraverso il lavoro.

La Sezione di Parma, grazie alla collaborazione e al contributo dei soci e dei volontari, assicura un costante servizio d’informazione e assistenza nel campo della vista a tutte le persone con minorazione visiva, alle istituzioni pubbliche e private e a tutti i cittadini interessati.

L’Unione, grazie al Centro di Ipovisione, presente presso la propria sede di Parma, svolge una quotidiana prevenzione delle malattie invalidanti e una efficace riabilitazione visiva, per il miglior utilizzo della vista residua e degli ausili disponibili.

La sezione di Parma dell’UICI inoltre assicura ai soci, alle famiglie e a tutti gli interessati un servizio costante e completamente informatizzato, per il disbrigo delle pratiche relative al riconoscimento dello stato di cieco civile e per altre forme pensionistiche e assistenziali, oltre a quelle concernenti l’avviamento e inserimento lavorativo. (https://www.uiciechi.it/)

Foto storiche di UICI

IL FONDO PAOLO TOMASI DELLA PROVINCIA DI PARMA

Il Fondo raccoglie la documentazione prodotta e ricevuta da Paolo Tomasi quale responsabile dell’ufficio stampa e pubbliche relazioni dell’Amministrazione Provinciale di Parma. La documentazione è stata donata alla Provincia di Parma nel 2007 dalla famiglia Tomasi.

Paolo Tomasi, Parma 3 marzo 1928 – 1 settembre 2005, frequenta la scuola di avviamento professionale a Parma e giovanissimo, nel 1944, partecipa alla Resistenza in veste di staffetta del CLN di Parma. A partire dal 1952 è impiegato presso la Provincia di Parma e nel 1971 è nominato responsabile dell’Ufficio Stampa e pubbliche relazione dell’Amministrazione provinciale, incarico che manterrà fino al suo pensionamento nel 1991.

Studioso impegnato in ricerche di storia contemporanea, con particolare attenzione alla storia locale, all’antifascismo e alla Resistenza, alla guerra di Spagna, al movimento operaio, era iscritto all’ordine dei giornalisti di Bologna dal 1976 e collaboratore della Gazzetta di Parma e di altre riviste. Partecipa al movimento di opinione che porta alla chiusura del Brefotrofio di Parma, dell’Ospedale psichiatrico di Colorno e ad esperienze di integrazione nella scuola e nel lavoro.

Fondo Tomasi Provincia di Parma, Raccolta fotografica, s.d.

Articoli tratti da: Fondo Tomasi Provincia di Parma, Comunicati Stampa (1978-2003), fascicoli 22, 62, 64, 68, 70, 73, 84.

ASSOCIAZIONE FAMIGLIE CEREBROLESI PARMA

Fa.Ce. Parma ODV – ETS 

La storia di Fa.Ce. Parma inizia nell’anno 1997 all’interno del gruppo di Auto Mutuo Aiuto del progetto A Casa con Sostegno , quando alcuni di genitori di ragazzi disabili sentirono il bisogno di realizzare un percorso in autonomia per dar voce ai diritti dei propri figli.

Dall’incontro dei bisogni e della capacità di costruire relazioni verso nuovi famigliari
ed Istituzioni, è nata nel 2006 l’Associazione Fa.Ce Onlus di Parma.
(Tratto da http://www.faceparma. altervista.org)

GAZZETTA DI PARMA – 2 dicembre 2018

RASSEGNA STAMPA

GAZZETTA DI PARMA – 17 maggio 2012

GAZZETTA DI PARMA – 15 aprile 2021

GAZZETTA DI PARMA – 4 dicembre 2012

GAZZETTA DI PARMA – 4 dicembre 2011

GAZZETTA DI PARMA – 27 gennaio 2011

CEPDI  Via Stirone 4  – 43125 Parma • Tel. 0521/257283 • info@cepdi.it • biblioteca@cepdi.it • www.cepdiparma.it seguici sulla pagina Facebook

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) RIFIUTA: Maggiori informazioni (GDPR e Cookie)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi